Basilica di Santa Maria Maggiore

Santa Maria Maggiore è la principale basilica mariana della cristianità, una delle cinque basiliche patriarcali di Roma, ossia una delle basiliche maiores che rappresentavano la Pentarchia: i cinque patriarchi uniti prima dello scisma fra chiesa d’oriente e chiesa d’occidente. La Basilica è anche detta Liberiana in relazione a papa Liberio, che, secondo la leggenda, l’avrebbe fatta edificare sull’Esquilino dopo aver avuto in sogno la Madonna. La Vergine gli indicò il punto esatto in cui erigere la basilica, che avrebbe dovuto essere quello in cui sarebbe caduta la neve in un caldo mese di agosto. Il miracolo della neve viene ricordato ogni anno in una funzione durante la quale petali bianchi vengono fatti cadere dal soffitto della Cappella Paolina (l’ultima in fondo alla navata di sinistra). La basilica conserva sulle pareti della navata centrale uno splendido ciclo musivo inerente al V secolo e alla committenza di papa Sisto III, a cui fa da sfavillante pendant il mosaico tardo-duecentesco dell’abside, promosso da papa Nicolò IV: il primo pontefice francescano salito al soglio pontificio. Lo spesso papa commissionò ad Arnolfo di Cambio, l’artista che più di tutti seppe interpretare lo spirito rivoluzionario di Francesco, il gruppo scultoreo del Presepe, che si può attualmente ammirare presso il Museo Liberano, annesso alla basilica.

Futouring Lazio

ORARI:

La Basilica è aperta tutti i giorni dalle ore 7:00 alle ore 18:45.

Santa Maria Maggiore è la principale basilica mariana della cristianità, una delle cinque basiliche patriarcali di Roma, ossia una delle basiliche maiores che rappresentavano la Pentarchia: i cinque patriarchi uniti prima dello scisma fra chiesa d’oriente e chiesa d’occidente. La Basilica è anche detta Liberiana in relazione a papa Liberio, che, secondo la leggenda, l’avrebbe fatta edificare sull’Esquilino dopo aver avuto in sogno la Madonna. La Vergine gli indicò il punto esatto in cui erigere la basilica, che avrebbe dovuto essere quello in cui sarebbe caduta la neve in un caldo mese di agosto. Il miracolo della neve viene ricordato ogni anno in una funzione durante la quale petali bianchi vengono fatti cadere dal soffitto della Cappella Paolina (l’ultima in fondo alla navata di sinistra). La basilica conserva sulle pareti della navata centrale uno splendido ciclo musivo inerente al V secolo e alla committenza di papa Sisto III, a cui fa da sfavillante pendant il mosaico tardo-duecentesco dell’abside, promosso da papa Nicolò IV: il primo pontefice francescano salito al soglio pontificio. Lo spesso papa commissionò ad Arnolfo di Cambio, l’artista che più di tutti seppe interpretare lo spirito rivoluzionario di Francesco, il gruppo scultoreo del Presepe, che si può attualmente ammirare presso il Museo Liberano, annesso alla basilica.

Futouring Lazio

ORARI:

La Basilica è aperta tutti i giorni dalle ore 7:00 alle ore 18:45.

41.89795,12.49785,17

Santa Maria Maggiore è la principale basilica mariana della cristianità, una delle cinque basiliche patriarcali di Roma, ossia una delle basiliche maiores che rappresentavano la Pentarchia: i cinque patriarchi uniti prima dello scisma fra chiesa d’oriente e chiesa d’occidente. La Basilica è anche detta Liberiana in relazione a papa Liberio, che, secondo la leggenda, l’avrebbe fatta edificare sull’Esquilino dopo aver avuto in sogno la Madonna. La Vergine gli indicò il punto esatto in cui erigere la basilica, che avrebbe dovuto essere quello in cui sarebbe caduta la neve in un caldo mese di agosto. Il miracolo della neve viene ricordato ogni anno in una funzione durante la quale petali bianchi vengono fatti cadere dal soffitto della Cappella Paolina (l’ultima in fondo alla navata di sinistra). La basilica conserva sulle pareti della navata centrale uno splendido ciclo musivo inerente al V secolo e alla committenza di papa Sisto III, a cui fa da sfavillante pendant il mosaico tardo-duecentesco dell’abside, promosso da papa Nicolò IV: il primo pontefice francescano salito al soglio pontificio. Lo spesso papa commissionò ad Arnolfo di Cambio, l’artista che più di tutti seppe interpretare lo spirito rivoluzionario di Francesco, il gruppo scultoreo del Presepe, che si può attualmente ammirare presso il Museo Liberano, annesso alla basilica.

Futouring Lazio

ORARI:

La Basilica è aperta tutti i giorni dalle ore 7:00 alle ore 18:45.

itinerari che contengono questo punto di interesse