Descrizione

Il Giubileo

L’anno Giubilare nasce come celebrazione ebraica, ricorreva ogni 50 anni e, secondo l’antico Testamento, durante questo tempo avveniva la remissione dei peccati e la terra doveva essere lasciata riposare cogliendone solo i frutti spontanei. Nel corso del tempo, la cadenza della festività è cambiata: oggi cade ad intervalli di venticinque anni per far sì che tutte le generazioni possano consapevolmente assistervi almeno una volta nella vita, ma il Papa può indire l’Anno Santo anche in occasioni straordinarie. 

L’accezione più moderna del Giubileo è legata ad un sentimento di salvificazione che questo anno offre. Promuovendo la santità di vita, attraverso il pellegrinaggio verso Roma o ad un Santuario, vengono perdonati i peccati al fedele che si riconcilia con Dio nella sua misericordia. Oggi sono tantissimi i cristiani che ancora intraprendono un pellegrinaggio a Roma, ma, ogni fedele, in qualunque parte del mondo, vive l’Anno Santo come momento di riflessione e riavvicinamento alla fede e a Dio, sentendosi parte di una comunità forte e coesa.

Ogni Giubileo viene indetto dal Papa con specifiche motivazioni che richiamano i fedeli alla riflessione, stimolandoli alla carità, alla preghiera ed al pellegrinaggio.

L’itinerario proposto tocca alcuni dei luoghi più significativi per i cristiani; posti molto importanti e pregni di significato storico e religioso.

La prima tappa del tour è il cuore pulsante della religione cristiana: San Pietro. Da qui, si dà ufficialmente inizio all’Anno Santo, che va orientativamente dal Natale dell’anno solare precedente fino all’Epifania dell’anno solare successivo. Qui avviene l’apertura della Porta Santa, che rimane aperta durante tutto il Giubileo e resta murata gli altri anni. In passato, la porta veniva smurata prima della celebrazione e veniva lasciata solo una piccola muratura simbolica che il Papa colpiva tre volte con un martello d’argento. A partire dal 2000, con Papa Giovanni Paolo II, il rito fu semplificato: infatti la porta viene completamente smurata prima della celebrazione ed il Papa apre spingendo semplicemente i battenti.

La stessa cerimonia viene ripetuta dai Cardinali delle altre Basiliche di Roma: Santa Maria Maggiore, San Giovanni in Laterano e San Paolo fuori le Mura, nei giorni appena successivi all’apertura della porta di San Pietro. Le prime due Basiliche potete raggiungerle a piedi passeggiando tra le vie di Roma, mentre, per arrivare alla terza Basilica, è necessario prendere un autobus o la metro. Il rito della Porta ha un significato molto importante: in esso è racchiuso il senso stesso del Giubileo; aprendo la Porta Santa, simbolicamente si apre al fedele l’opportunità di intraprendere un percorso straordinario verso la salvezza.

Come a San Pietro, anche nelle altre tre Basiliche, le porte rimangono aperte durante tutto l’Anno Santo, al termine del quale vengono murate nuovamente in attesa del Giubileo successivo. Vi sveliamo una curiosità: la porta che vedrete a San Giovanni in Laterano è antichissima, essa è la porta originale della Curia Iulia, sede del senato edificata da Cesare ed inaugurata da Augusto nel 29 a.C.

Alle origini, il pellegrinaggio compiuto durante il Giubileo consisteva sostanzialmente nel cammino verso Roma, e, una volta giunti nella città eterna, nella visita alle Basiliche nonché all’omaggio ed alla preghiera al cospetto delle reliquie sparse in giro per la città. Importante era, inoltre, andare a visitare e celebrare i luoghi dove i primi cristiani furono torturati ed uccisi violentemente e dove hanno trovato ricovero ed eterno riposo: le Catacombe.

Pertanto, dopo aver terminato la visita dell’ultima delle quattro Basiliche, potrete raggiungere a piedi le Catacombe di Santa Domitilla. Queste sono tra le Catacombe più estese di Roma: più di 15 km di corridoi scavati nel tufo, sviluppati su quattro livelli di cui oggi sono visitabili solo il primo e parte del secondo. Pensate che sono 150.000 le tombe contenute al suo interno! Vi sembrerà di essere stati catapultati in un mondo parallelo; appena sopra le vostre teste immaginate la città che vive, pulsa e respira, mentre, dove siete voi, è tutto sospeso in un tempo non definito. Fate caso alle iscrizioni dei testi sacri che qui sono conservati: fonte preziosissima per gli archeologi per ricostruire quello che doveva essere il modo di pensare, credere, vivere i primi approcci alla religione cristiana.

Le seconde Catacombe che incontrerete sono quelle non meno famose di San Callisto, immerse nel parco della Caffarella. Anche queste sono molto vaste e profonde: i cunicoli arrivano a misurare anche 20 km e scendono ad una profondità di oltre 20 metri. Esiste un’area in queste Catacombe chiamata “piccolo Vaticano”, qui sono sepolti nove Papi e, come si evince dalle iscrizioni in greco, altre illustri eminenze della Chiesa. Vicina alla cripta dei Papi si trova la cripta di Santa Cecilia. La leggenda narra che la Santa fu ritrovata perfettamente conservata ed avvolta in un manto dorato, così le sue reliquie furono spostate nell’attuale chiesa di Santa Cecilia costruita in suo onore a Trastevere.

Lungo l’Appia Antica incontrerete l’ultima tappa, le Catacombe di San Sebastiano, famose per essere state dimora temporanea per le reliquie dei Santi Pietro e Paolo. Si tramanda, infatti, che durante le persecuzioni dell’Imperatore Valeriano, per evitare che i corpi dei due Santi andassero persi, furono nascosti in queste Catacombe sotterrane. Alla fine delle sanguinose persecuzioni, in un periodo non ben precisato, le reliquie furono portate rispettivamente al Vaticano ed ad Ostiense dove oggi sono riposte e celebrate. Questa leggenda non ha trovato testimonianze archeologiche che possano confermarla, ma storicamente la tradizione ha sempre creduto a questa versione dei fatti.

A voi la scelta di come proseguire il “vostro” personale pellegrinaggio attraverso i luoghi che hanno fatto grande e importante la religione cristiana a Roma. Luoghi di cui la storia narra e che sono spesso un rifugio sicuro dove poter scoprire, nutrire o ritrovare la fede.

Punti di interesse

Personalizza

Basilica di San Pietro

La basilica di San Pietro sorge nel luogo ove fu sepolto l'apostolo Pietro. Il sepolcro del primo... ...

Basilica di Santa Maria Maggiore

Santa Maria Maggiore è la principale basilica mariana della cristianità, una delle cinque basilic... ...

San Giovanni in Laterano

La basilica di San Giovanni in Laterano, sede vescovile di Roma, di origini antichissime, fu fond... ...

Basilica San Paolo fuori le Mura

La Basilica di San Paolo Fuori le Mura è la chiesa patriarcale più grande di Roma dopo la Basilic... ...

Catacombe di Domitilla

Le catacombe più estese di Roma – 15 km di sviluppo sotterraneo - con quelle di S. Callisto, si s... ...

Catacombe di San Callisto

  Sorte verso fine sec. II da ipogei cristiani privati, prendono nome da papa Callisto, che ingra... ...

Catacombe di San Sebastiano

E' uno dei pochissimi cimiteri cristiani rimasto sempre accessibile e perciò si presenta molto de... ...

Eventi

  • 05/05/2015 - 21/06/2015

    matisse.arabesque

  • 26/03/2016 - 06/09/2015

    Mostra 100 Scialoja. Azione e pensiero

  • 01/04/2015 - 26/07/2015

    Feste Barocche

  • 19/05/2015 - 01/11/2015

    L'eleganza del cibo