Anfiteatro Correa-Augusteo

Piazza Augusto Imperatore, 5 Roma

L’anfiteatro venne costruito sulla sommità del Mausoleo di Augusto nel 1780 per volontà dei marchesi Correa. La struttura lignea, inserita nella cornice di un giardino all’italiana esistente fin dal XVI secolo nella parte alta del mausoleo, era destinata a spettacoli di intrattenimento vari, tra cui lotte di animali, giostre di tori e, nella stagione estiva, spettacoli pirotecnici (i “fochetti”). Nel 1796 il nuovo proprietario, il marchese Vivaldi Armentieri, ne fece una struttura stabile e dal 1810 fu utilizzato come teatro di prosa per recite diurne. Verso la fine dell’800 l’anfiteatro, ormai noto come “Anfiteatro Umberto I”, fu dichiarato inagibile e destinato a officina per la realizzazione della statua equestre del Vittoriano. Acquisita dal Comune nel 1907, l’arena fu trasformata in un grande auditorium da 3.500 posti che prese il nome di Augusteo e divenne sede della Regia Accademia di Santa Cecilia. La fondazione vi svolse un’intensa attività concertistica fino al 1936, anno in cui la sala venne chiusa per avviare i lavori di isolamento del mausoleo dagli edifici circostanti e la sistemazione della Piazza Augusto Imperatore.

Futouring Lazio

L’anfiteatro venne costruito sulla sommità del Mausoleo di Augusto nel 1780 per volontà dei marchesi Correa. La struttura lignea, inserita nella cornice di un giardino all’italiana esistente fin dal XVI secolo nella parte alta del mausoleo, era destinata a spettacoli di intrattenimento vari, tra cui lotte di animali, giostre di tori e, nella stagione estiva, spettacoli pirotecnici (i “fochetti”). Nel 1796 il nuovo proprietario, il marchese Vivaldi Armentieri, ne fece una struttura stabile e dal 1810 fu utilizzato come teatro di prosa per recite diurne. Verso la fine dell’800 l’anfiteatro, ormai noto come “Anfiteatro Umberto I”, fu dichiarato inagibile e destinato a officina per la realizzazione della statua equestre del Vittoriano. Acquisita dal Comune nel 1907, l’arena fu trasformata in un grande auditorium da 3.500 posti che prese il nome di Augusteo e divenne sede della Regia Accademia di Santa Cecilia. La fondazione vi svolse un’intensa attività concertistica fino al 1936, anno in cui la sala venne chiusa per avviare i lavori di isolamento del mausoleo dagli edifici circostanti e la sistemazione della Piazza Augusto Imperatore.

Futouring Lazio

41.905605,12.476412,17

L’anfiteatro venne costruito sulla sommità del Mausoleo di Augusto nel 1780 per volontà dei marchesi Correa. La struttura lignea, inserita nella cornice di un giardino all’italiana esistente fin dal XVI secolo nella parte alta del mausoleo, era destinata a spettacoli di intrattenimento vari, tra cui lotte di animali, giostre di tori e, nella stagione estiva, spettacoli pirotecnici (i “fochetti”). Nel 1796 il nuovo proprietario, il marchese Vivaldi Armentieri, ne fece una struttura stabile e dal 1810 fu utilizzato come teatro di prosa per recite diurne. Verso la fine dell’800 l’anfiteatro, ormai noto come “Anfiteatro Umberto I”, fu dichiarato inagibile e destinato a officina per la realizzazione della statua equestre del Vittoriano. Acquisita dal Comune nel 1907, l’arena fu trasformata in un grande auditorium da 3.500 posti che prese il nome di Augusteo e divenne sede della Regia Accademia di Santa Cecilia. La fondazione vi svolse un’intensa attività concertistica fino al 1936, anno in cui la sala venne chiusa per avviare i lavori di isolamento del mausoleo dagli edifici circostanti e la sistemazione della Piazza Augusto Imperatore.

Futouring Lazio

itinerari che contengono questo punto di interesse