Auditorium Parco della Musica

Viale Pietro De Coubertin, Roma

Progettata dal gruppo Renzo Piano-Building Workshop, la nuova sede dell’Auditorium (in origine ospitato in un edificio su via della Conciliazione) si colloca in uno spazio su cui si fronteggiano la trama regolare del quartiere Flaminio e le unità edilizie del Villaggio Olimpico con le architetture di Pier Luigi Nervi, di Adalberto Libera e di Luigi Moretti. Epicentro del complesso è un anfiteatro all’aperto (cavea) intorno al quale si dispongono a ventaglio le tre Sale per la Musica ricoperte da caratteristiche coperture in piombo che ne accentuano la funzione di “cassa armonica”. La sala più piccola (700 posti) è uno spazio polifunzionale. La sala da 1200 posti ospita concerti di musica sinfonica e di musica da camera. La sala grande da 2700 posti può ospitare concerti di musica sinfonica, opere e concerti di musica contemporanea. Una struttura anulare si sviluppa su due livelli attorno alle sale della musica e comprende camerini e sale prova per gli artisti. Un edificio posto a nord accoglie al piano inferiore servizi di ristorazione e accoglienza, al piano interrato le sale prova, al piano superiore la biblio-mediateca dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Dalla cavea si accede al foyer e allo spazio polivalente che ospita al suo interno il Museo degli Strumenti Musicali e il Museo Archeologico che accoglie i reperti di una grande villa romana rinvenuta durante i lavori.

Futouring Lazio

Progettata dal gruppo Renzo Piano-Building Workshop, la nuova sede dell’Auditorium (in origine ospitato in un edificio su via della Conciliazione) si colloca in uno spazio su cui si fronteggiano la trama regolare del quartiere Flaminio e le unità edilizie del Villaggio Olimpico con le architetture di Pier Luigi Nervi, di Adalberto Libera e di Luigi Moretti. Epicentro del complesso è un anfiteatro all’aperto (cavea) intorno al quale si dispongono a ventaglio le tre Sale per la Musica ricoperte da caratteristiche coperture in piombo che ne accentuano la funzione di “cassa armonica”. La sala più piccola (700 posti) è uno spazio polifunzionale. La sala da 1200 posti ospita concerti di musica sinfonica e di musica da camera. La sala grande da 2700 posti può ospitare concerti di musica sinfonica, opere e concerti di musica contemporanea. Una struttura anulare si sviluppa su due livelli attorno alle sale della musica e comprende camerini e sale prova per gli artisti. Un edificio posto a nord accoglie al piano inferiore servizi di ristorazione e accoglienza, al piano interrato le sale prova, al piano superiore la biblio-mediateca dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Dalla cavea si accede al foyer e allo spazio polivalente che ospita al suo interno il Museo degli Strumenti Musicali e il Museo Archeologico che accoglie i reperti di una grande villa romana rinvenuta durante i lavori.

Futouring Lazio

41.929073,12.474556,17

Progettata dal gruppo Renzo Piano-Building Workshop, la nuova sede dell’Auditorium (in origine ospitato in un edificio su via della Conciliazione) si colloca in uno spazio su cui si fronteggiano la trama regolare del quartiere Flaminio e le unità edilizie del Villaggio Olimpico con le architetture di Pier Luigi Nervi, di Adalberto Libera e di Luigi Moretti. Epicentro del complesso è un anfiteatro all’aperto (cavea) intorno al quale si dispongono a ventaglio le tre Sale per la Musica ricoperte da caratteristiche coperture in piombo che ne accentuano la funzione di “cassa armonica”. La sala più piccola (700 posti) è uno spazio polifunzionale. La sala da 1200 posti ospita concerti di musica sinfonica e di musica da camera. La sala grande da 2700 posti può ospitare concerti di musica sinfonica, opere e concerti di musica contemporanea. Una struttura anulare si sviluppa su due livelli attorno alle sale della musica e comprende camerini e sale prova per gli artisti. Un edificio posto a nord accoglie al piano inferiore servizi di ristorazione e accoglienza, al piano interrato le sale prova, al piano superiore la biblio-mediateca dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Dalla cavea si accede al foyer e allo spazio polivalente che ospita al suo interno il Museo degli Strumenti Musicali e il Museo Archeologico che accoglie i reperti di una grande villa romana rinvenuta durante i lavori.

Futouring Lazio

itinerari che contengono questo punto di interesse