Piazza di Pietra

Piazza di Pietra, Roma

Piazza di Pietra si apre tra la via omonima e via dei Pastini. Il toponimo potrebbe aver avuto origine dall’antica indicazione di domus de Petro o de Petra, come trasposizione del nome dell’ospizio “de’ preti invalidi” qui presente agli inizi del XVI secolo, oppure dalla presenza del Tempio di Adriano (145 d.C.) che si affaccia sul lato sinistro della piazza. Nel 1695 Carlo Fontana, su incarico del papa Innocenzo XII (Antonio Pignatelli 1691-1700), costruì il palazzo della Dogana di Terra inglobandovi il tempio: gli spazi tra le undici colonne corinzie furono chiusi e costituirono la porzione centrale del palazzo su due piani. Il complesso fu acquistato nel 1873 dalla Camera di Commercio e restaurato da Virginio Vespignani. Nel 1928 vennero riaperti gli spazi tra le colonne e scoperti lo stilobate e la scala d’accesso. Alla fine del XVII secolo si trasferì nella piazza il vicino mercato del Pantheon che in seguito venne spostato. Sulla piazza si affaccia il palazzo Ferrini Cini, disegnato da Onorio Longhi ai primi del ‘600 e completato da Ferdinando Fuga nel 1743.

Futouring Lazio

Piazza di Pietra si apre tra la via omonima e via dei Pastini. Il toponimo potrebbe aver avuto origine dall’antica indicazione di domus de Petro o de Petra, come trasposizione del nome dell’ospizio “de’ preti invalidi” qui presente agli inizi del XVI secolo, oppure dalla presenza del Tempio di Adriano (145 d.C.) che si affaccia sul lato sinistro della piazza. Nel 1695 Carlo Fontana, su incarico del papa Innocenzo XII (Antonio Pignatelli 1691-1700), costruì il palazzo della Dogana di Terra inglobandovi il tempio: gli spazi tra le undici colonne corinzie furono chiusi e costituirono la porzione centrale del palazzo su due piani. Il complesso fu acquistato nel 1873 dalla Camera di Commercio e restaurato da Virginio Vespignani. Nel 1928 vennero riaperti gli spazi tra le colonne e scoperti lo stilobate e la scala d’accesso. Alla fine del XVII secolo si trasferì nella piazza il vicino mercato del Pantheon che in seguito venne spostato. Sulla piazza si affaccia il palazzo Ferrini Cini, disegnato da Onorio Longhi ai primi del ‘600 e completato da Ferdinando Fuga nel 1743.

Futouring Lazio

41.89998,12.479349,17

Piazza di Pietra si apre tra la via omonima e via dei Pastini. Il toponimo potrebbe aver avuto origine dall’antica indicazione di domus de Petro o de Petra, come trasposizione del nome dell’ospizio “de’ preti invalidi” qui presente agli inizi del XVI secolo, oppure dalla presenza del Tempio di Adriano (145 d.C.) che si affaccia sul lato sinistro della piazza. Nel 1695 Carlo Fontana, su incarico del papa Innocenzo XII (Antonio Pignatelli 1691-1700), costruì il palazzo della Dogana di Terra inglobandovi il tempio: gli spazi tra le undici colonne corinzie furono chiusi e costituirono la porzione centrale del palazzo su due piani. Il complesso fu acquistato nel 1873 dalla Camera di Commercio e restaurato da Virginio Vespignani. Nel 1928 vennero riaperti gli spazi tra le colonne e scoperti lo stilobate e la scala d’accesso. Alla fine del XVII secolo si trasferì nella piazza il vicino mercato del Pantheon che in seguito venne spostato. Sulla piazza si affaccia il palazzo Ferrini Cini, disegnato da Onorio Longhi ai primi del ‘600 e completato da Ferdinando Fuga nel 1743.

Futouring Lazio

itinerari che contengono questo punto di interesse

Nei pressi

  • Bistrot

    I vicini bistrot

    Via di Torre Argentina, 70, Roma