Piazza Nicosia

Piazza Nicosia, 25-26 Roma

Piazza Nicosia prende il nome dal palazzo che vi aveva fatto costruire il cardinale Aldobrandino Orsini, arcivescovo di Nicosia. Successivamente la piazza prese il nome di piazza del Clementino, allorquando papa Clemente VII (Giulio de’ Medici, 1523-34) destinò un edificio a sede per il Collegio Clementino. L’attuale piazza venne realizzata nel 1936 dall’architetto Marcello Piacentini, con la demolizione dei due palazzi cui era stata precedentemente dedicata. I lavori erano collegati al più ampio progetto di Piacentini di riorganizzazione del Lungotevere, iniziati con l' abbattimento della cosiddetta Spina di Borgo per creare via della Conciliazione. Piacentini è anche autore del palazzo, in stile razionalista, dove aveva sede il Consiglio nazionale della Democrazia Cristiana. Nel 1950 fu deciso di sistemare, al centro della nuova piazza, l’attuale fontana detta del Trullo, già collocata a Piazza del Popolo (originariamente piazza del Trullo): della fontana realizzata nel 1572 da Giacomo della Porta rimane oggi solo il basamento ottagonale. I tritoni e le maschere che la adornavano vennero utilizzati da Gian Lorenzo Bernini nel 1654 nella Fontana del Moro di Piazza Navona.

Autore: Piacentini Marcello (1981-1960).

Futouring Lazio

Piazza Nicosia prende il nome dal palazzo che vi aveva fatto costruire il cardinale Aldobrandino Orsini, arcivescovo di Nicosia. Successivamente la piazza prese il nome di piazza del Clementino, allorquando papa Clemente VII (Giulio de’ Medici, 1523-34) destinò un edificio a sede per il Collegio Clementino. L’attuale piazza venne realizzata nel 1936 dall’architetto Marcello Piacentini, con la demolizione dei due palazzi cui era stata precedentemente dedicata. I lavori erano collegati al più ampio progetto di Piacentini di riorganizzazione del Lungotevere, iniziati con l' abbattimento della cosiddetta Spina di Borgo per creare via della Conciliazione. Piacentini è anche autore del palazzo, in stile razionalista, dove aveva sede il Consiglio nazionale della Democrazia Cristiana. Nel 1950 fu deciso di sistemare, al centro della nuova piazza, l’attuale fontana detta del Trullo, già collocata a Piazza del Popolo (originariamente piazza del Trullo): della fontana realizzata nel 1572 da Giacomo della Porta rimane oggi solo il basamento ottagonale. I tritoni e le maschere che la adornavano vennero utilizzati da Gian Lorenzo Bernini nel 1654 nella Fontana del Moro di Piazza Navona.

Autore: Piacentini Marcello (1981-1960).

Futouring Lazio

41.90311,12.47463,17

Piazza Nicosia prende il nome dal palazzo che vi aveva fatto costruire il cardinale Aldobrandino Orsini, arcivescovo di Nicosia. Successivamente la piazza prese il nome di piazza del Clementino, allorquando papa Clemente VII (Giulio de’ Medici, 1523-34) destinò un edificio a sede per il Collegio Clementino. L’attuale piazza venne realizzata nel 1936 dall’architetto Marcello Piacentini, con la demolizione dei due palazzi cui era stata precedentemente dedicata. I lavori erano collegati al più ampio progetto di Piacentini di riorganizzazione del Lungotevere, iniziati con l' abbattimento della cosiddetta Spina di Borgo per creare via della Conciliazione. Piacentini è anche autore del palazzo, in stile razionalista, dove aveva sede il Consiglio nazionale della Democrazia Cristiana. Nel 1950 fu deciso di sistemare, al centro della nuova piazza, l’attuale fontana detta del Trullo, già collocata a Piazza del Popolo (originariamente piazza del Trullo): della fontana realizzata nel 1572 da Giacomo della Porta rimane oggi solo il basamento ottagonale. I tritoni e le maschere che la adornavano vennero utilizzati da Gian Lorenzo Bernini nel 1654 nella Fontana del Moro di Piazza Navona.

Autore: Piacentini Marcello (1981-1960).

Futouring Lazio

itinerari che contengono questo punto di interesse

Nei pressi

  • Bistrot

    I vicini bistrot

    Via di Torre Argentina, 70, Roma