Quartiere dei Fiamminghi

Via dell’Anima, Roma

Tra i quartieri degli stranieri a Roma durante il Rinascimento, quello della nazione fiamminga comprendeva inoltre tedeschi, austriaci e olandesi che risiedevano numerosi nei Rioni di Regola e Parione. Luogo di riferimento fu la chiesa di Santa Maria dell’Anima con l’annesso Ospedale, sorta per volere del ricco mercante fiammingo Janni di Pietro (Johannes Petrus della diocesi di Utrecht) intorno alla metà del XIV secolo sul luogo di alcune case di sua proprietà. Tra le abitazioni di personaggi influenti della comunità, quella di Giovanni Sander di Nordhausen (1455-1544), accanto alla chiesa di Santa Maria dell’Anima.

La comunità faceva capo anche all’antica chiesa di Santa Maria (poi Santo Spirito) in Sassia in Borgo.

Tra gli esponenti di maggiore spicco, la famiglia tedesca dei Fugger, banchieri e commercianti di stoffe, che avevano la sede del loro banco nei pressi della Zecca, nella zona dei Banchi, uno dei luoghi più importanti della finanza tra la fine del Quattrocento e gli inizi del Cinquecento. I potenti banchieri, sostenitori dell’imperatore Carlo V, ebbero in gestione la Zecca pontificia dal 1508. Nel 1527 dopo il sacco di Roma ad opera delle truppe di Carlo V, la sede a Roma dei Fugger chiuse.

Futouring Lazio

Tra i quartieri degli stranieri a Roma durante il Rinascimento, quello della nazione fiamminga comprendeva inoltre tedeschi, austriaci e olandesi che risiedevano numerosi nei Rioni di Regola e Parione. Luogo di riferimento fu la chiesa di Santa Maria dell’Anima con l’annesso Ospedale, sorta per volere del ricco mercante fiammingo Janni di Pietro (Johannes Petrus della diocesi di Utrecht) intorno alla metà del XIV secolo sul luogo di alcune case di sua proprietà. Tra le abitazioni di personaggi influenti della comunità, quella di Giovanni Sander di Nordhausen (1455-1544), accanto alla chiesa di Santa Maria dell’Anima.

La comunità faceva capo anche all’antica chiesa di Santa Maria (poi Santo Spirito) in Sassia in Borgo.

Tra gli esponenti di maggiore spicco, la famiglia tedesca dei Fugger, banchieri e commercianti di stoffe, che avevano la sede del loro banco nei pressi della Zecca, nella zona dei Banchi, uno dei luoghi più importanti della finanza tra la fine del Quattrocento e gli inizi del Cinquecento. I potenti banchieri, sostenitori dell’imperatore Carlo V, ebbero in gestione la Zecca pontificia dal 1508. Nel 1527 dopo il sacco di Roma ad opera delle truppe di Carlo V, la sede a Roma dei Fugger chiuse.

Futouring Lazio

41.90003,12.471667,17

Tra i quartieri degli stranieri a Roma durante il Rinascimento, quello della nazione fiamminga comprendeva inoltre tedeschi, austriaci e olandesi che risiedevano numerosi nei Rioni di Regola e Parione. Luogo di riferimento fu la chiesa di Santa Maria dell’Anima con l’annesso Ospedale, sorta per volere del ricco mercante fiammingo Janni di Pietro (Johannes Petrus della diocesi di Utrecht) intorno alla metà del XIV secolo sul luogo di alcune case di sua proprietà. Tra le abitazioni di personaggi influenti della comunità, quella di Giovanni Sander di Nordhausen (1455-1544), accanto alla chiesa di Santa Maria dell’Anima.

La comunità faceva capo anche all’antica chiesa di Santa Maria (poi Santo Spirito) in Sassia in Borgo.

Tra gli esponenti di maggiore spicco, la famiglia tedesca dei Fugger, banchieri e commercianti di stoffe, che avevano la sede del loro banco nei pressi della Zecca, nella zona dei Banchi, uno dei luoghi più importanti della finanza tra la fine del Quattrocento e gli inizi del Cinquecento. I potenti banchieri, sostenitori dell’imperatore Carlo V, ebbero in gestione la Zecca pontificia dal 1508. Nel 1527 dopo il sacco di Roma ad opera delle truppe di Carlo V, la sede a Roma dei Fugger chiuse.

Futouring Lazio

itinerari che contengono questo punto di interesse

Nei pressi

  • Bistrot

    I vicini bistrot

    Via di Torre Argentina, 70, Roma