Sant’Andrea al Quirinale

Via del Quirinale, 29 Roma
064874565

Capolavoro dell’architettura sacra barocca, la chiesa antistante la “Manica Lunga” del palazzo del Quirinale, lungo la strada Pia, fu commissionata a Gian Lorenzo Bernini nel 1658 (ultimata nel 1678) dal cardinale Camillo Pamphilj che volle rinnovare la più antica chiesa di Sant’Andrea a Montecavallo, sede del Noviziato della Compagnia di Gesù. Il prospetto esterno, ad un solo ordine, è decorato con paraste corinzie sormontate da un timpano triangolare e preceduto da un protiro semicircolare sorretto da colonne ioniche. Ai lati della facciata si innestano due murature concave destinate a dare maggiore profondità all’ingresso dilatandone visivamente lo spazio antistante. L’effetto originario è compromesso dalla demolizione di una parte delle murature nei successivi lavori di sistemazione della strada. L’interno, impreziosito da rivestimenti in marmi policromi, si sviluppa su pianta ellittica con asse principale sul lato minore. Il perimetro è scandito da pilastri mistilinei che inquadrano grandi nicchie e cappelle; in corrispondenza dell’altare maggiore in bronzo dorato e lapislazzuli, disegnato da Bernini, i pilastri sono raddoppiati da una coppia di colonne e formano un’edicola con timpano arcuato a profilo concavo. La cupola, decorata con lacunari e nervature dorate, è animata da putti in stucco collocati sulle cornici delle finestre. Sull’altare maggiore e nelle cappelle si conservano dipinti del XVII e XVIII secolo tra cui opere del Borgognone (Martirio di Sant’Andrea) e del Baciccia (Morte di San Francesco Saverio).

Autore: Bernini Gian Lorenzo (1598-1680).

Futouring Lazio

ORARI:

Mar-sab ore 8:30 - 12:00 / 14:30 - 18:00
Dom e festivi: ore 9:00 - 12:00 / 15:00 - 18:00

La chiesa

Capolavoro dell’architettura sacra barocca, la chiesa antistante la “Manica Lunga” del palazzo del Quirinale, lungo la strada Pia, fu commissionata a Gian Lorenzo Bernini nel 1658 (ultimata nel 1678) dal cardinale Camillo Pamphilj che volle rinnovare la più antica chiesa di Sant’Andrea a Montecavallo, sede del Noviziato della Compagnia di Gesù. Il prospetto esterno, ad un solo ordine, è decorato con paraste corinzie sormontate da un timpano triangolare e preceduto da un protiro semicircolare sorretto da colonne ioniche. Ai lati della facciata si innestano due murature concave destinate a dare maggiore profondità all’ingresso dilatandone visivamente lo spazio antistante. L’effetto originario è compromesso dalla demolizione di una parte delle murature nei successivi lavori di sistemazione della strada. L’interno, impreziosito da rivestimenti in marmi policromi, si sviluppa su pianta ellittica con asse principale sul lato minore. Il perimetro è scandito da pilastri mistilinei che inquadrano grandi nicchie e cappelle; in corrispondenza dell’altare maggiore in bronzo dorato e lapislazzuli, disegnato da Bernini, i pilastri sono raddoppiati da una coppia di colonne e formano un’edicola con timpano arcuato a profilo concavo. La cupola, decorata con lacunari e nervature dorate, è animata da putti in stucco collocati sulle cornici delle finestre. Sull’altare maggiore e nelle cappelle si conservano dipinti del XVII e XVIII secolo tra cui opere del Borgognone (Martirio di Sant’Andrea) e del Baciccia (Morte di San Francesco Saverio).

Autore: Bernini Gian Lorenzo (1598-1680).

Futouring Lazio

ORARI:

Mar-sab ore 8:30 - 12:00 / 14:30 - 18:00
Dom e festivi: ore 9:00 - 12:00 / 15:00 - 18:00

41.900837,12.489171,17

Capolavoro dell’architettura sacra barocca, la chiesa antistante la “Manica Lunga” del palazzo del Quirinale, lungo la strada Pia, fu commissionata a Gian Lorenzo Bernini nel 1658 (ultimata nel 1678) dal cardinale Camillo Pamphilj che volle rinnovare la più antica chiesa di Sant’Andrea a Montecavallo, sede del Noviziato della Compagnia di Gesù. Il prospetto esterno, ad un solo ordine, è decorato con paraste corinzie sormontate da un timpano triangolare e preceduto da un protiro semicircolare sorretto da colonne ioniche. Ai lati della facciata si innestano due murature concave destinate a dare maggiore profondità all’ingresso dilatandone visivamente lo spazio antistante. L’effetto originario è compromesso dalla demolizione di una parte delle murature nei successivi lavori di sistemazione della strada. L’interno, impreziosito da rivestimenti in marmi policromi, si sviluppa su pianta ellittica con asse principale sul lato minore. Il perimetro è scandito da pilastri mistilinei che inquadrano grandi nicchie e cappelle; in corrispondenza dell’altare maggiore in bronzo dorato e lapislazzuli, disegnato da Bernini, i pilastri sono raddoppiati da una coppia di colonne e formano un’edicola con timpano arcuato a profilo concavo. La cupola, decorata con lacunari e nervature dorate, è animata da putti in stucco collocati sulle cornici delle finestre. Sull’altare maggiore e nelle cappelle si conservano dipinti del XVII e XVIII secolo tra cui opere del Borgognone (Martirio di Sant’Andrea) e del Baciccia (Morte di San Francesco Saverio).

Autore: Bernini Gian Lorenzo (1598-1680).

Futouring Lazio

ORARI:

Mar-sab ore 8:30 - 12:00 / 14:30 - 18:00
Dom e festivi: ore 9:00 - 12:00 / 15:00 - 18:00

itinerari che contengono questo punto di interesse