Sant’Angelo in Pescheria

Via della Tribuna di Campitelli, 6 Roma

Situata in un punto nodale nei collegamenti con Trastevere, la piccola chiesa sorse nel 755 come diaconia di San Paolo, tra le rovine dell’antico portico d’Ottavia. A partire dal XII secolo, quando fu ristrutturata in forme romaniche, assunse il nome di Sant’Angelo in foro piscium, dal mercato del pesce, uno dei principali di Roma, che a partire del medioevo fino all’Ottocento si teneva presso il portico di Ottavia. I canonici del capitolo di Sant’Angelo affittavano le pietre del pesce, lastre di marmo su cui veniva esposto il pescato. Da qui nel 1347 Cola di Rienzo prese le mosse per occupare il Campidoglio. Posta al limite meridionale del Ghetto, vi si tenevano ogni sabato le prediche per la conversione forzata degli Ebrei. La chiesa, a tre navate, aveva la facciata in mattoni inserita nel colonnato posteriore del portico di Ottavia. All’interno è conservato un affresco del 1450 della Madonna attribuito a Benozzo Gozzoli, originariamente collocato sulla parete esterna della canonica. La chiesa fu più volte restaurata, a partire dal XVI secolo fino al XIX, quando fu ricostruito l’attuale campanile, in sostituzione di quello duecentesco crollato nel XVII secolo. Annessa alla chiesa, la Cappella di Sant’ Andrea eretta dalla Compagnia del Pescivendoli nel 1571, con dipinto di Giorgio Vasari (1511-1574).

Futouring Lazio

 

ORARI:

Mercoledì e sabato: 16:00 - 20:30

Primo lunedì del mese ore 15:00 - 18:00

Situata in un punto nodale nei collegamenti con Trastevere, la piccola chiesa sorse nel 755 come diaconia di San Paolo, tra le rovine dell’antico portico d’Ottavia. A partire dal XII secolo, quando fu ristrutturata in forme romaniche, assunse il nome di Sant’Angelo in foro piscium, dal mercato del pesce, uno dei principali di Roma, che a partire del medioevo fino all’Ottocento si teneva presso il portico di Ottavia. I canonici del capitolo di Sant’Angelo affittavano le pietre del pesce, lastre di marmo su cui veniva esposto il pescato. Da qui nel 1347 Cola di Rienzo prese le mosse per occupare il Campidoglio. Posta al limite meridionale del Ghetto, vi si tenevano ogni sabato le prediche per la conversione forzata degli Ebrei. La chiesa, a tre navate, aveva la facciata in mattoni inserita nel colonnato posteriore del portico di Ottavia. All’interno è conservato un affresco del 1450 della Madonna attribuito a Benozzo Gozzoli, originariamente collocato sulla parete esterna della canonica. La chiesa fu più volte restaurata, a partire dal XVI secolo fino al XIX, quando fu ricostruito l’attuale campanile, in sostituzione di quello duecentesco crollato nel XVII secolo. Annessa alla chiesa, la Cappella di Sant’ Andrea eretta dalla Compagnia del Pescivendoli nel 1571, con dipinto di Giorgio Vasari (1511-1574).

Futouring Lazio

 

ORARI:

Mercoledì e sabato: 16:00 - 20:30

Primo lunedì del mese ore 15:00 - 18:00

41.89256,12.47911,17

Situata in un punto nodale nei collegamenti con Trastevere, la piccola chiesa sorse nel 755 come diaconia di San Paolo, tra le rovine dell’antico portico d’Ottavia. A partire dal XII secolo, quando fu ristrutturata in forme romaniche, assunse il nome di Sant’Angelo in foro piscium, dal mercato del pesce, uno dei principali di Roma, che a partire del medioevo fino all’Ottocento si teneva presso il portico di Ottavia. I canonici del capitolo di Sant’Angelo affittavano le pietre del pesce, lastre di marmo su cui veniva esposto il pescato. Da qui nel 1347 Cola di Rienzo prese le mosse per occupare il Campidoglio. Posta al limite meridionale del Ghetto, vi si tenevano ogni sabato le prediche per la conversione forzata degli Ebrei. La chiesa, a tre navate, aveva la facciata in mattoni inserita nel colonnato posteriore del portico di Ottavia. All’interno è conservato un affresco del 1450 della Madonna attribuito a Benozzo Gozzoli, originariamente collocato sulla parete esterna della canonica. La chiesa fu più volte restaurata, a partire dal XVI secolo fino al XIX, quando fu ricostruito l’attuale campanile, in sostituzione di quello duecentesco crollato nel XVII secolo. Annessa alla chiesa, la Cappella di Sant’ Andrea eretta dalla Compagnia del Pescivendoli nel 1571, con dipinto di Giorgio Vasari (1511-1574).

Futouring Lazio

 

ORARI:

Mercoledì e sabato: 16:00 - 20:30

Primo lunedì del mese ore 15:00 - 18:00

itinerari che contengono questo punto di interesse

Nei pressi

  • Bistrot

    I vicini bistrot

    Via di Torre Argentina, 70, Roma