Scavi di Ostia Antica: il Foro

Al centro di Ostia Antica, nel cuore di quello che in origine era chiamato il “castrum”, si trova il Foro, la piazza principale e il centro politico e sociale della città, su cui si affacciavano i principali edifici pubblici e di culto: il Capitolium, il tempio più importante di Ostia dedicato a Giove, Giunone e Minerva; il tempio di Augusto e Roma, un santuario imperiale creato per celebrarvi il culto dell’imperatore e la grandezza e la potenza di Roma, del quale rimangono i resti delle favisse e parte della decorazione di marmo del frontone posteriore; la Basilica giudiziaria, grande aula rettangolare circondata da portico, dove si trattavano affari e si amministrava la giustizia, sulla sua destra, un piccolo edificio circolare del III secolo, identificato da alcuni come il tempio Rotondo; opposto a questo è il caseggiato del Larario, dove le botteghe erano adibite anche ad abitazioni. Al di là del Decumano, la Curia, sede del Consiglio Comunale, mentre poco distante vi erano le grandiose Terme del Foro, un impianto complesso, articolato in vari ambienti che oltre a quelli abituali per i bagni, l’area massaggi, e le attività ginniche, comprendeva probabilmente anche una biblioteca.

L’accesso al Foro per i carri era impedito dalla presenza di scalini, posti sia a sud che a nord, non era quindi possibile attraversarlo se non seguendo il decumano massimo, perciò tutto il traffico che giungeva dal sud della città e che si dirigeva verso il porto doveva per forza aggirare la piazza.

Futouring Lazio

Al centro di Ostia Antica, nel cuore di quello che in origine era chiamato il “castrum”, si trova il Foro, la piazza principale e il centro politico e sociale della città, su cui si affacciavano i principali edifici pubblici e di culto: il Capitolium, il tempio più importante di Ostia dedicato a Giove, Giunone e Minerva; il tempio di Augusto e Roma, un santuario imperiale creato per celebrarvi il culto dell’imperatore e la grandezza e la potenza di Roma, del quale rimangono i resti delle favisse e parte della decorazione di marmo del frontone posteriore; la Basilica giudiziaria, grande aula rettangolare circondata da portico, dove si trattavano affari e si amministrava la giustizia, sulla sua destra, un piccolo edificio circolare del III secolo, identificato da alcuni come il tempio Rotondo; opposto a questo è il caseggiato del Larario, dove le botteghe erano adibite anche ad abitazioni. Al di là del Decumano, la Curia, sede del Consiglio Comunale, mentre poco distante vi erano le grandiose Terme del Foro, un impianto complesso, articolato in vari ambienti che oltre a quelli abituali per i bagni, l’area massaggi, e le attività ginniche, comprendeva probabilmente anche una biblioteca.

L’accesso al Foro per i carri era impedito dalla presenza di scalini, posti sia a sud che a nord, non era quindi possibile attraversarlo se non seguendo il decumano massimo, perciò tutto il traffico che giungeva dal sud della città e che si dirigeva verso il porto doveva per forza aggirare la piazza.

Futouring Lazio

Al centro di Ostia Antica, nel cuore di quello che in origine era chiamato il “castrum”, si trova il Foro, la piazza principale e il centro politico e sociale della città, su cui si affacciavano i principali edifici pubblici e di culto: il Capitolium, il tempio più importante di Ostia dedicato a Giove, Giunone e Minerva; il tempio di Augusto e Roma, un santuario imperiale creato per celebrarvi il culto dell’imperatore e la grandezza e la potenza di Roma, del quale rimangono i resti delle favisse e parte della decorazione di marmo del frontone posteriore; la Basilica giudiziaria, grande aula rettangolare circondata da portico, dove si trattavano affari e si amministrava la giustizia, sulla sua destra, un piccolo edificio circolare del III secolo, identificato da alcuni come il tempio Rotondo; opposto a questo è il caseggiato del Larario, dove le botteghe erano adibite anche ad abitazioni. Al di là del Decumano, la Curia, sede del Consiglio Comunale, mentre poco distante vi erano le grandiose Terme del Foro, un impianto complesso, articolato in vari ambienti che oltre a quelli abituali per i bagni, l’area massaggi, e le attività ginniche, comprendeva probabilmente anche una biblioteca.

L’accesso al Foro per i carri era impedito dalla presenza di scalini, posti sia a sud che a nord, non era quindi possibile attraversarlo se non seguendo il decumano massimo, perciò tutto il traffico che giungeva dal sud della città e che si dirigeva verso il porto doveva per forza aggirare la piazza.

Futouring Lazio

itinerari che contengono questo punto di interesse

Nei pressi

  • Divertimento

    Gilda club

    Via Mario Dè Fiori, 97, 00187 Roma