Tempio di Antonino e Faustina

Via di San Pantaleo, 9 Roma

La Veduta laterale dell'avanzo del Tempio di Antonino e Faustina, appartiene ai quattro volumi delle Antichità Romane di Giovanni Battista Piranesi del 1756. Lo scorcio del Foro Romano a partire dalla veduta della fiancata del tempio di Antonina e Faustina, inquadra a sinistra l’estremità della facciata della chiesa di Santa Maria Liberatrice, demolita nel XX secolo per riportare alla luce le strutture della paleocristiana Santa Maria Antiqua. Seguono le tre colonne del tempio dei Castori, elemento ricorrente nelle vedute del foro Romano. In primo piano la struttura del tempio di Antonina e Faustina, inglobato nella chiesa di San Lorenzo in Miranda. Anticipatore di un interesse per il mondo antico, l’architetto e artista evidenziò un interesse documentario estraneo alla poetica del Neoclassicismo. L’artista raffigura minuziosamente i dettagli strutturali dell’edificio antico, evidenziandone anche l’apparato decorativo, analiticamente rappresentato. Sono riportati particolari che mostrano l’interesse archeologico di Piranesi, come lo stato di conservazione e l’annotazione di tracce delle costruzioni medievali demolite, appena percettibili sulle colonne del tempio. L’acquaforte testimonia lo studio architettonico e l’analisi del monumento che sono alla base delle incisioni dell’artista.

(MR 3434).

Futouring Lazio

La Veduta laterale dell'avanzo del Tempio di Antonino e Faustina, appartiene ai quattro volumi delle Antichità Romane di Giovanni Battista Piranesi del 1756. Lo scorcio del Foro Romano a partire dalla veduta della fiancata del tempio di Antonina e Faustina, inquadra a sinistra l’estremità della facciata della chiesa di Santa Maria Liberatrice, demolita nel XX secolo per riportare alla luce le strutture della paleocristiana Santa Maria Antiqua. Seguono le tre colonne del tempio dei Castori, elemento ricorrente nelle vedute del foro Romano. In primo piano la struttura del tempio di Antonina e Faustina, inglobato nella chiesa di San Lorenzo in Miranda. Anticipatore di un interesse per il mondo antico, l’architetto e artista evidenziò un interesse documentario estraneo alla poetica del Neoclassicismo. L’artista raffigura minuziosamente i dettagli strutturali dell’edificio antico, evidenziandone anche l’apparato decorativo, analiticamente rappresentato. Sono riportati particolari che mostrano l’interesse archeologico di Piranesi, come lo stato di conservazione e l’annotazione di tracce delle costruzioni medievali demolite, appena percettibili sulle colonne del tempio. L’acquaforte testimonia lo studio architettonico e l’analisi del monumento che sono alla base delle incisioni dell’artista.

(MR 3434).

Futouring Lazio

41.897457,12.472819,17

La Veduta laterale dell'avanzo del Tempio di Antonino e Faustina, appartiene ai quattro volumi delle Antichità Romane di Giovanni Battista Piranesi del 1756. Lo scorcio del Foro Romano a partire dalla veduta della fiancata del tempio di Antonina e Faustina, inquadra a sinistra l’estremità della facciata della chiesa di Santa Maria Liberatrice, demolita nel XX secolo per riportare alla luce le strutture della paleocristiana Santa Maria Antiqua. Seguono le tre colonne del tempio dei Castori, elemento ricorrente nelle vedute del foro Romano. In primo piano la struttura del tempio di Antonina e Faustina, inglobato nella chiesa di San Lorenzo in Miranda. Anticipatore di un interesse per il mondo antico, l’architetto e artista evidenziò un interesse documentario estraneo alla poetica del Neoclassicismo. L’artista raffigura minuziosamente i dettagli strutturali dell’edificio antico, evidenziandone anche l’apparato decorativo, analiticamente rappresentato. Sono riportati particolari che mostrano l’interesse archeologico di Piranesi, come lo stato di conservazione e l’annotazione di tracce delle costruzioni medievali demolite, appena percettibili sulle colonne del tempio. L’acquaforte testimonia lo studio architettonico e l’analisi del monumento che sono alla base delle incisioni dell’artista.

(MR 3434).

Futouring Lazio

itinerari che contengono questo punto di interesse

Nei pressi

  • Bistrot

    I vicini bistrot

    Via di Torre Argentina, 70, Roma