Tomba dei rilievi - Cerveteri

Piazzale Mario Moretti, 00052 Cerveteri RM

Loculo centrale della parete di fondo Probabilmente destinato al committente della tomba, identificabile forse con il capostipite della famiglia, questo loculo è impreziosito da una serie di rilievi dipinti che riproducono oggetti reali e temi religiosi. Alla lesena sinistra, al di sotto di quello che resta di un busto maschile, sono appese una kylix ed una piccola brocca; più in basso è riprodotto un forziere, di colore giallo e rosso, munito di serratura (il riquadro bianco). Sul forziere, accuratamente piegato, è appoggiato un panno, il liber linteus che simbolicamente ricorda lo svolgimento della vicenda terrena del defunto. Sulla lesena destra sono visibili i resti di un altro busto, femminile in questo caso, sotto al quale sono disposte delle collane, un ventaglio o flabello, ed un lungo bastone definibile “da passeggio”. L’importanza di questo loculo è accentuato dall’accurata riproduzione delle zampe del letto, in mezzo alle quali è disposto un basso poggiapiedi. Su questo mobile sono posizionati altri rilievi: una divinità dell’oltretomba, dal busto umano e le gambe a serpente, personificazione di Tifone; un cane a tre teste, ossia Cerbero; un paio di sandali, forse con infradito, ulteriore “fotogramma” rubato alla vita quotidiana.

Loculo centrale della parete di fondo Probabilmente destinato al committente della tomba, identificabile forse con il capostipite della famiglia, questo loculo è impreziosito da una serie di rilievi dipinti che riproducono oggetti reali e temi religiosi. Alla lesena sinistra, al di sotto di quello che resta di un busto maschile, sono appese una kylix ed una piccola brocca; più in basso è riprodotto un forziere, di colore giallo e rosso, munito di serratura (il riquadro bianco). Sul forziere, accuratamente piegato, è appoggiato un panno, il liber linteus che simbolicamente ricorda lo svolgimento della vicenda terrena del defunto. Sulla lesena destra sono visibili i resti di un altro busto, femminile in questo caso, sotto al quale sono disposte delle collane, un ventaglio o flabello, ed un lungo bastone definibile “da passeggio”. L’importanza di questo loculo è accentuato dall’accurata riproduzione delle zampe del letto, in mezzo alle quali è disposto un basso poggiapiedi. Su questo mobile sono posizionati altri rilievi: una divinità dell’oltretomba, dal busto umano e le gambe a serpente, personificazione di Tifone; un cane a tre teste, ossia Cerbero; un paio di sandali, forse con infradito, ulteriore “fotogramma” rubato alla vita quotidiana.

41.9985988,12.095520299999976,13

Loculo centrale della parete di fondo Probabilmente destinato al committente della tomba, identificabile forse con il capostipite della famiglia, questo loculo è impreziosito da una serie di rilievi dipinti che riproducono oggetti reali e temi religiosi. Alla lesena sinistra, al di sotto di quello che resta di un busto maschile, sono appese una kylix ed una piccola brocca; più in basso è riprodotto un forziere, di colore giallo e rosso, munito di serratura (il riquadro bianco). Sul forziere, accuratamente piegato, è appoggiato un panno, il liber linteus che simbolicamente ricorda lo svolgimento della vicenda terrena del defunto. Sulla lesena destra sono visibili i resti di un altro busto, femminile in questo caso, sotto al quale sono disposte delle collane, un ventaglio o flabello, ed un lungo bastone definibile “da passeggio”. L’importanza di questo loculo è accentuato dall’accurata riproduzione delle zampe del letto, in mezzo alle quali è disposto un basso poggiapiedi. Su questo mobile sono posizionati altri rilievi: una divinità dell’oltretomba, dal busto umano e le gambe a serpente, personificazione di Tifone; un cane a tre teste, ossia Cerbero; un paio di sandali, forse con infradito, ulteriore “fotogramma” rubato alla vita quotidiana.

itinerari che contengono questo punto di interesse