Via Arenula

Via Arenula, Roma

La strada, costruita insieme a Ponte Garibaldi tra il 1886 ed il 1888 per collegare il Viale del Re (attuale Viale Trastevere) con il centro della città, deriva il suo nome da quello del Rione VII, chiamato in età medievale e moderna Arenula (poi corrotto in Reola o Regola) per via degli ampi arenili che si aprivano sulle sponde del Tevere nel tratto compreso tra Ponte Sisto e Ponte Garibaldi. Nel Trastevere il ricordo della sponda sabbiosa sopravvive nel toponimo “Renella” che dà il nome ad una via e ad un vicolo. L’apertura della strada, intesa come prolungamento del nuovo ponte sul Tevere, comportò la demolizione del settore centrale dell’antico quartiere sviluppatosi tra medioevo ed età moderna sulla riva sinistra, tra il Ponte Fabricio (Isola Tiberina) ed il Ponte Sisto. I grandi edifici che su di essa prospettano risalgono prevalentemente ai primi decenni del XX secolo: tra questi, il palazzo del Ministero di Grazia e Giustizia eretto dall’architetto Pio Piacentini tra il 1914 ed il 1932.

Futouring Lazio

La strada, costruita insieme a Ponte Garibaldi tra il 1886 ed il 1888 per collegare il Viale del Re (attuale Viale Trastevere) con il centro della città, deriva il suo nome da quello del Rione VII, chiamato in età medievale e moderna Arenula (poi corrotto in Reola o Regola) per via degli ampi arenili che si aprivano sulle sponde del Tevere nel tratto compreso tra Ponte Sisto e Ponte Garibaldi. Nel Trastevere il ricordo della sponda sabbiosa sopravvive nel toponimo “Renella” che dà il nome ad una via e ad un vicolo. L’apertura della strada, intesa come prolungamento del nuovo ponte sul Tevere, comportò la demolizione del settore centrale dell’antico quartiere sviluppatosi tra medioevo ed età moderna sulla riva sinistra, tra il Ponte Fabricio (Isola Tiberina) ed il Ponte Sisto. I grandi edifici che su di essa prospettano risalgono prevalentemente ai primi decenni del XX secolo: tra questi, il palazzo del Ministero di Grazia e Giustizia eretto dall’architetto Pio Piacentini tra il 1914 ed il 1932.

Futouring Lazio

41.891865,12.47461,17

La strada, costruita insieme a Ponte Garibaldi tra il 1886 ed il 1888 per collegare il Viale del Re (attuale Viale Trastevere) con il centro della città, deriva il suo nome da quello del Rione VII, chiamato in età medievale e moderna Arenula (poi corrotto in Reola o Regola) per via degli ampi arenili che si aprivano sulle sponde del Tevere nel tratto compreso tra Ponte Sisto e Ponte Garibaldi. Nel Trastevere il ricordo della sponda sabbiosa sopravvive nel toponimo “Renella” che dà il nome ad una via e ad un vicolo. L’apertura della strada, intesa come prolungamento del nuovo ponte sul Tevere, comportò la demolizione del settore centrale dell’antico quartiere sviluppatosi tra medioevo ed età moderna sulla riva sinistra, tra il Ponte Fabricio (Isola Tiberina) ed il Ponte Sisto. I grandi edifici che su di essa prospettano risalgono prevalentemente ai primi decenni del XX secolo: tra questi, il palazzo del Ministero di Grazia e Giustizia eretto dall’architetto Pio Piacentini tra il 1914 ed il 1932.

Futouring Lazio

itinerari che contengono questo punto di interesse

Nei pressi

  • Bistrot

    I vicini bistrot

    Via di Torre Argentina, 70, Roma